Criminalità organizzata, a Formia una sede distaccata della Squadra Mobile. Il Siulp rilancia l’istanza

“C’è una vera emergenza legata alla presenza della criminalità organizzata nel Sud Pontino”. La dichiarazione del sindaco di Formia Paola Villa, rilasciata in occasione della partecipazione da parte dei primi cittadini del Golfo alla prima commissione Antimafia presso la Regione Lazio, è stata ripresa oggi dal Sindacato italiano unitario Lavoratori di Polizia – seziona di Formia -, prendendo atto che il capo dell’amministrazione comunale ha richiesto la sede distaccata della Squadra Mobile in città, come da tempo rivendicato anche dallo stesso sindacato Siulp.

Il Siulp appoggia quindi l’istanza del sindaco e continua la battaglia “per dotare il commissariato di Formia di una struttura investigativa adeguata numericamente e qualitativamente a fronteggiare la grave minaccia della criminalità organizzata nel Sud Pontino che, per pericolosità e pervasività, è divenuta una vera e propria emergenza che ricerca una risposta strutturale ed urgente”.

“Questa Organizzazione Sindacale – fanno sapere dalla segreteria di Formia -, ritiene opportuno sostenere tale tesi, impegnandosi nel sollecitare il Dipartimento della Pubblica sicurezza, affinché questo progetto possa finalmente trovare luce per poter concretamente garantire un vero controllo del territorio, non solo per il bene della città di Formia, bensì  per l’intero  comprensorio del sud Pontino”.